Sept. 22-28, 2025 Bethpage Black Course, Farmingdale, NY
Jon Rahm e Tommy Fleetwood
Crediti foto: Richard Heathcote/Getty Images

La preparazione è fondamentale.

Quando si tratta della Ryder Cup, quel vecchio adagio è una verità che ha mille sfaccettature sia per la settimana di gara che nei due anni precedenti all’evento biennale. E niente viene lasciato di intentato.

Per il capitano tutto inizia non appena viene scelto. Da quel momento in poi, inizia a lavorare con una commissione e a elaborare ciò che i successivi due anni significheranno. È un processo ben ponderato che è molto più che scegliere i vicecapitani e decidere quanti saranno, i giocatori che sceglierà e i suoi accoppiamenti.

Diventano maestri di programmazione: per gruppi di pratica durante tutto l'anno, per la scelta delle divise e per come la settimana dell’evento sarà organizzata in termini di sessioni di pratica e gruppi. Diventano anche padroni della gestione del singolo, approfondendo la conoscenza dei giocatori e gestendo le loro richieste per metterli nella condizione migliore possibile di giocare bene. Che si tratti di bagni di ghiaccio, richieste di cibo o solo aree per rilassarsi, tutte queste cose rientrano nel ruolo del capitano. Così come la responsabilità di cercare di coltivare le relazioni tra i giocatori all’interno della squadra. Dopotutto, non è un segreto che una delle chiavi più grandi dei successi europei di questo secolo è stato più volte ribadito sia stato il rapporto tra i giocatori nella team room.

I capitani sono anche noti per appropriarsi e basarsi su quello che sembra aver funzionato in chi ha guidato prima di loro la squadra, e come hanno trascorso quest'anno entrambe le squadre sembra che diventerà un pezzo di pianificazione della preparazione imprescindibile per gli anni a venire.

Nel 2021 Steve Stricker portò tutta la sua squadra a Whistling Straits prima della Ryder Cup per aiutarli a familiarizzare con il percorso e tra di loro. Pensando che nella vittoria europea nel 2018, la conoscenza e l'esperienza della squadra di casa di Le Golf National, combinata con le limitate sessioni di pratica per i suoi, li avesse zavorrati fin dall'inizio e così decise di impostare l’allenamento e la preparazione in modo diverso.

Zach Johnson ha fatto suo quell'approccio, come anche il capitano della squadra europea Luke Donald.

La maggior parte del team statunitense è volato a Roma un paio di settimane fa, e Max Homa ha sottolineato in conferenza stampa perché potrebbe essere una preparazione molto proficua per la sua squadra di qui a domenica.

"Non è stata roba da poco per noi venire qui, soprattutto perché io, Justin e Zach giocavamo a Napa", ha affermato. "Ci sembrava parecchio tempo. Giochiamo su campi nuovi quattro volte l'anno, in genere o tre volte l'anno per i Majors, e di solito li impari abbastanza rapidamente”.

“Ma devo dire che quando siamo arrivati qui, il primo giorno di gioco, quasi tutti abbiamo colpito con le mazze sbagliate su un bel po' di tee, e poi il giorno dopo ho pensato di essere uscito e di aver giocato molto meglio non tanto perché sapevo dove stavo andando, ma più che altro sapevo che dovevo abbassare un po' la mazza alla terza buca e piccole cose del genere”.

"Almeno mi sono risparmiato un'intera giornata di preparazione. Penso che questo sia stato un grande vantaggio, considerando che si tratta di un viaggio molto lungo, penso ne sia valsa la pena, perché mi sembra che ci abbia risparmiato tutta la giornata di ieri, e piccole cose come questa possono essere molto importanti".

Il giorno dopo è arrivato il Team Europe. Molti nel team sono arrivati dotati di molta esperienza al Marco Simone, con gli esordienti Robert MacIntyre e Nicolai Højgaard vincitori dell'Open d'Italia in due degli ultimi tre anni, ma è stata la prima volta che il team si è riunito di proposito prima della settimana di Ryder Cup.

Rory McIlroy, che quest'anno gioca la sua settima Ryder Cup, ha ribadito quanto sia stato importante, ma è rimasto sorpreso che la squadra ci abbia messo così tanto a farlo.

"È stato fantastico", ha detto subito dopo.

"Sono davvero sorpreso che sia la prima volta che lo facciamo. Ci sono alcuni volti nuovi nel team e ho pensato che fosse un ottimo esercizio per conoscersi un po' meglio. Ho avuto l'opportunità di giocare con Ludvig per la prima volta lunedì, cosa di cui ero entusiasta. Gli ho subito detto: ‘Non vedevo l'ora di farlo da un po’".

"Ma sì, non è che ho bisogno di entusiasmarmi per un'imminente Ryder Cup, ma quel giro mi ha sicuramente fatto scorrere il sangue nelle vene"

"Mi sento come se la Ryder Cup fosse iniziata un paio di settimane fa", gli ha fatto eco Justin Rose.

"Il lunedì di Wentworth ci siamo visti per un giro di prova. È stata un’esperienza che ci ha permesso di rinforzare i legami di squadra e credo che questo abbia fatto sentire l'intera settimana a Wentworth come un continuo di spirito e legame di squadra".

Il team europeo di dodici uomini si è riunito e ha passato il taglio nel BMW PGA Championship nel DP World Tour, mentre Homa, Johnson e Thomas sono volati a Napa per giocare nel PGA TOUR. Altri erano impegnati nelle rispettive preparazioni.

Come ha detto McIlroy, si uniscono come una squadra, ma giocheranno individualmente e fanno quello che pensano sia meglio per loro per prepararsi a giocare a Roma.

"Anche se stiamo cercando di creare un’atmosfera di squadra davvero buona, alla fine è uno sport individuale", ha aggiunto.

"Dobbiamo tutti fare ciò che è meglio per noi per prepararci a giocare a Roma".

L'aspetto individuale è importante.

Quando si tratta dei Majors, i giocatori si dividono sul fatto che la settimana prima giocare o prendersi la settimana libera sia il modo migliore per prepararsi. Ma quando si tratta della Ryder Cup di questa settimana, non c'è una regola o un facile parallelismo tra il Team USA e il Team Europe. Ciò che ne consegue è invece una pletora di strategie diverse che convergono in un obiettivo comune: arrivare alla Ryder Cup nel modo migliore possibile, qualsiasi sia il modo.

Per McIlroy ha significato una settimana senza tornei, è prima andato all’addio al celibato di un amico in Grecia e poi alla Coppa del mondo di rugby con Shane Lowry. Ludvig Åberg è andato a sostenere il Team Europe alla Solheim Cup, Matt Fitzpatrick a guardare una partita di calcio prima di volare a Roma. Mentre Robert MacIntyre ha giocato al Cazoo Open de France con i vicecapitani Edoardo Molinari e Nicolas Colsaerts.

Con l'interruzione del programma del PGA TOUR che ha reso impossibile per la maggior parte dei giocatori della squadra statunitense prendere parte a un torneo, Brooks Koepka è stato l'unico giocatore USA a giocare la scorsa settimana in un evento agonistico. Per tutti gli altri membri del team americano, molto riposo e molto allenamento sul campo.

"Mi sono preso due settimane di ferie, ho rimesso la mia mente a posto e mi sono rigenerato", ha affermato Wyndham Clark.

"Poi sono entrato in modalità attiva, ho fatto pratica e giocato un po', ho lavorato sulla mia attrezzatura a San Diego con Titleist, controllato che tutto fosse a posto. Poi la settimana scorsa abbiamo giocato un sacco di money game a Whisper Rock con molti buoni giocatori, e poi io e Max [Homa] abbiamo giocato a best ball e alternate shot per più giorni contro altri buoni giocatori".

Per il vincitore del titolo di Golfer of the Year e rookie in Ryder Cup Brian Harman, la chiave era rilassarsi dopo la fine della stagione nel PGA TOUR prima di tornare alle sessioni di pratica nelle ultime due settimane.

"Molto riposo", ha detto Harman. "Non è mai abbastanza, i nostri corpi sono tartassati tutto l'anno. Quindi dopo il TOUR Championship, praticamente non ho fatto niente per una settimana, solo un po' di pratica, sono venuto qui, e poi due settimane di gioco, cercando solo essere il più possibile pronto”.

"Sento che è un mio dovere, è una sensazione diversa essere in una squadra. Come se non volessi strafare. Non vuoi essere troppo nervoso, ma, allo stesso tempo, hai davvero la sensazione di... Voglio giocare alla grande per questa squadra. Sono stato davvero concentrato su questo”.

"Ho solo cercato di riposarmi e non fare molto. Ho macinato. Riposato e macinato".

Gli aspetti individuali sono particolarmente importanti nella settimana che precede l’evento, proprio perché diversa da qualsiasi altra nel golf.

Somma impegni programmati, cene, incontri con i media e la cerimonia di apertura a un mix di eventi unici per una settimana di Ryder Cup, e il risultato di cercare di far avere a dodici giocatori l'opportunità di dare il meglio diventa veramente importante per portare a casa il risultato sperato. Per il team degli Stati Uniti questo ha significato allentare la rigida struttura degli anni passati.

"Devi capire cosa funziona", ha detto Brooks Koepka in conferenza stampa.

"Ogni volta c’è un gruppo di ragazzi diverso, quindi devi capire cosa funziona per la maggior parte di loro o cosa funziona meglio, e penso che questa settimana abbiamo fatto un ottimo lavoro, permettendoci di essere noi stessi e fare ciò che ci fa giocare bene”.

"Penso che rispetto a quando ero in squadra nel 2016, tutto era molto più strutturato e c'erano molte più cose da fare al di fuori del campo da golf, ma hanno sicuramente attenuato un po' le cose. Onestamente, probabilmente è una delle settimane più faticose con i turni di allenamento, i tanti media, molti cerimoniali, cose diverse come questa. Può trattarsi di tarda notte, di mattina presto, soprattutto se hai intenzione di giocare 36-36, o in qualsiasi caso”.

"Anche con il pomeriggio o la mattina libera, mi piace guardare alcuni dei ragazzi, quindi li guardo per nove buche. Finisci per camminare molto più di quanto faresti normalmente, quindi cerchi solo di riposarti il più possibile".

Quest'anno i round ufficiali di allenamento consistevano in 18 buche il martedì, nove buche il mercoledì e ancora nove buche il giovedì. Mercoledì era prevista una cena di gala e diversi altri eventi di squadra erano in agenda in altre serate.

Questa atmosfera può essere molto stressante per gli esordienti.

Quando fecero il loro debutto Rory McIlroy, nel2010, e Jon Rahm, nel 2018, erano entrambi i giocatori numero uno nell'Official World Golf Ranking, ma non sentivano di avere voce in capitolo nella team room. Quest'anno vogliono incarnare il loro ruolo di leader rendendo l'ambiente della team room incoraggiante per i giocatori più giovani a fare domande.

"Nella mia prima Ryder Cup non ho fatto una sola domanda, non avrei potuto essere più silenzioso", ha affermato.

"Sono molto timido e introverso di natura, quindi tutto, l'intera settimana mi ha intimorito. Stai andando in uno spogliatoio che gli altri condividono da 15 o 20 anni, quindi è molto difficile, almeno è stato molto difficile per me inserirmi subito. Molto più facile la seconda volta."

"Dico sempre che è davvero molto facile essere nella vostra mente e nei vostri sentimenti perché non sapete davvero come elaborare una settimana come questa, quindi fate quante più domande possibili a chiunque. Non esiste una domanda stupida. Quella curiosità ti porterà a un risultato”.

"Allo stesso tempo, capisco che sono qui per dimostrare perché sono qui e lasciare il segno come esordienti, ma c'è sempre qualcosa da imparare da alcuni dei giocatori più forti”.

"Non intendo necessariamente sul golf, ma anche il modo in cui elaborano, il modo in cui gestiscono una settimana come questa. Penso che la curiosità sia molto, molto importante".

Per quanto preparato possa sentirsi un rookie, è una leadership come quella che potrebbe fare la differenza. Una delle diverse sfumature da considerare in ciò che serve per rendere una squadra il più preparata possibile a quel colpo iniziale.

Alla cerimonia di apertura, l'unica cosa che resterà da fare sarà annunciare gli accoppiamenti, quello del match di apertura vedrà Jon Rahm e Tyrrell Hatton contro Scottie Scheffler e Sam Burns.

E una volta che gli abbinamenti per i match di apertura di foursomes saranno stati annunciati, il capitano e i loro giocatori dovranno solo sperare che tutto il lavoro che hanno fatto si rivelerà sufficiente.

More News

The Ryder Cup Newsletter
Enter your email address to receive updates on changes in rankings and important announcements.
We appreciate your interest in and excitement for The Ryder Cup. We will be sharing important updates as they become available.
There has been an error in your submission. Please try again.
We appreciate your interest in and excitement for The Ryder Cup. We will be sharing important updates as they become available.
There has been an error in your submission. Please try again.